Home / Benessere / Sindrome da conflitto sotto-acromiale, come curare il dolore alla spalla
foto da fisiosportpavona.it

Sindrome da conflitto sotto-acromiale, come curare il dolore alla spalla

Ogni volta che alziamo il braccio sopra l’altezza della spalla, lo spazio tra la testa dell’omero e l’acromion della scapola si restringe. I tendini della cuffia dei rotatori, che, protetti dalla borsa, scorrono proprio in questo spazio, subiscono un attrito che a lungo andare – soprattutto negli sportivi e nei lavoratori sottoposti a stress fisico – può provocare sintomi di impingement, cioè di infiammazione.

Questo fenomeno è chiamato sindrome da conflitto sotto-acromiale e solitamente è causato dalla ripetizione di certi gesti atletici o lavorativi, ma anche da squilibri muscolari o patologie congenite.

Aumento del seno in modo tutto naturale, clicca sulla foto per info.

L’importanza della riabilitazione precoce

Nel tempo, se trascurata, la sindrome da conflitto sub-acromiale può comportare fastidiose calcificazioni e la progressiva degenerazione del tendine, fino alla rottura di quest’ultimo, nei casi più gravi. Il dolore compare anche nelle ore notturne e chi ne è affetto, di solito, tende a usare meno la spalla. Questo provoca aderenze intra-articolari che peggiorano ulteriormente il quadro clinico.

Il medico specialista dev’essere consultato alla comparsa dei primi sintomi. Una riabilitazione precoce, infatti, oltre a potenziare la spalla, scongiura il circolo vizioso descritto sopra ed esclude infiltrazioni e farmaci che, al contrario, sono inevitabili negli stadi più avanzati della patologia.

I trattamenti per recuperare l’uso della spalla

Per dare sollievo alla spalla affetta da una sindrome del conflitto sotto-acromiale già sviluppata si può intervenire con:

  1. Terapia con antidolorifici e antinfiammatori
    2. Fisioterapia, per rafforzare i muscoli della cuffia dei rotatori e migliorare la postura
    3. Intervento di chirurgia della spalla in artroscopia mini-invasiva
    4. Infiltrazioni articolari a base di cortisone

Quando gli esami evidenziano una lesione dei tendini della cuffia rotatoria o voluminose calcificazioni, l’intervento chirurgico diventa inevitabile.

La riabilitazione post-operatoria

L’iter riabilitativo post-operatorio prevede 3 fasi. La prima mira a ridurre il dolore, tramite laser, ultrasuoni, stretching e massaggi decontratturanti. La seconda, quella principale, punta al recupero e al riequilibrio della forza dei muscoli della scapola, dell’omero e degli intrarotatori della cuffia. Raggiunti gli obiettivi delle prime due fasi, si conclude il programma riabilitativo con specifici esercizi propriocettivi e di recupero della coordinazione. Il paziente a questo punto avrà recuperato un buon arco di movimento dell’arto superiore e tornerà ad eseguire con naturalezza i movimenti essenziali della vita quotidiana.

La ginnastica e la postura sono fondamentali nel trattamento del dolore causato dalla sindrome da conflitto sotto-acromiale, così come è importante non sovraccaricare l’articolazione oltre i limiti del dolore, per evitare strappi ed eccessi di funzione. Nel caso degli atleti, il ritorno all’attività sportiva avviene generalmente un mese dopo l’intervento.

About Redazione

News scritte dalla redazione di Digitalife.it in collaborazione con giornalisti e web editor esperti in materia.

Check Also

Estetica e bellezza: donne sempre più attente alla cura del proprio corpo

Qual è la regola che definisce i canoni odierni della bellezza femminile? Per saperlo basterebbe …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *