Home / Benessere / Invecchiamento cellulare, ricercatori scoprono molecole che bloccano i segni del tempo
Invecchiamento cellulare, ricercatori scoprono molecole che bloccano i segni del tempo
Invecchiamento cellulare, ricercatori scoprono molecole che bloccano i segni del tempo

Invecchiamento cellulare, ricercatori scoprono molecole che bloccano i segni del tempo

Per quel che riguarda gli studi scientifici sull’invecchiamento cellulare, un team di ricercatori ha fatto un’importante scoperta i cui risultati sono stati pubblicati su Nature Communications. Nel dettaglio, la scoperta riguarda un gruppo di molecole che sarebbero in grado di bloccare i segni del tempo, ed è stata effettuata dai ricercatori dell’IFOM – Istituto FIRC di Oncologia Molecolare di Milano.

Molecole che bloccano i segni del tempo potranno essere sfruttate contro le patologie telometriche

In pratica la classe di molecole identificata dai ricercatori sarebbe in grado di bloccare l’invecchiamento cellulare che è causato dal deterioramento dei telomeri. Non a caso secondo gli studiosi, grazie alla scoperta, si può aprire la strada nel contrastare l’invecchiamento cellulare causato proprio da patologie telometriche che spaziano dal diabete alla cataratta e passando per la fibrosi polmonare, la cirrosi epatica, l’artrite e l’osteoporosi in accordo con quanto è stato riportato da IlFattoQuotidiano.it. Ed ancora si può aprire la strada anche nella cura di alcune malattie rare che causano invecchiamento precoce come la progeria che è detta anche sindrome di Hutchinson-Gilford.

Invecchiamento cellulare, tutta colpa dei telomeri che col tempo si accorciano

Dal punto di vista cellulare, l’invecchiamento si verifica quando i telomeri si accorciano. E questo avviene ogni volta che la cellula si replica per riprodursi oppure si danneggia nel tempo. In caso di danneggiamento la cellula reagisce evitando di replicarsi e di conseguenza tende ad invecchiare diventando una cellula senescente.

Scoperta sull’invecchiamento cellulare, il punto di partenza è stato uno studio dello scienziato Fabrizio d’Adda di Fagagna

Il punto di partenza che all’IFOM ha portato alla scoperta delle molecole, dette molecole antisenso, è rappresentato da uno studio che, realizzato dallo scienziato Fabrizio d’Adda di Fagagna, già nel 2012 si era guadagnato le pagine della rivista scientifica internazionale ‘Nature’.

About Filadelfo Scamporrino

Filadelfo Scamporrino
Web editor esperto in tecnologia e attualità. Amo scrivere e ho scelto Digitalife.it per dare il mio contributo e fornire notizie di qualità.

Check Also

Fresh fingers, spray anti micosi per scarpe

Le scarpe da ginnastica sono da sempre uno dei luoghi più comuni dove trovare le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.